Home

Il percorso di fede

Il cammino spirituale inizia con un atto di volontà, orientato ad un cambiamento nella propria vita: la conversione.
Il desiderio di scoprire chi è Dio e quale ruolo possa avere nell’esistenza di ciascuno può nascere in vari modi, ora per semplice curiosità, ora per un inspiegabile impulso interiore, ora per far fronte ad una situazione di sofferenza o incertezza. Qualunque sia la ragione che spinge alla ricerca di Dio, rimane ferma la voglia di Dio di farsi trovare, di accogliere a braccia aperte chiunque desideri scoprire il suo Amore.
Perché, allora, si parla di conversione? Andando a leggere il Vangelo, scopriamo che, prima di Gesù, venne un precursore, Giovanni il Battista. Questi predicava l’imminente venuta del Messia e la necessità di abbandonare il peccato per poterlo riconoscere. Il peccato, infatti, tiene l’uomo incollato alla terra, lo vincola alle leggi del mondo e fa sì che la sua mente sia incentrata sulle cose materiali. In questo modo non c’è più spazio per Dio e non è possibile comprendere i suoi insegnamenti. Ecco perché nel Vangelo leggiamo che il mondo non riconobbe Gesù. Solo chi aveva iniziato questo percorso di conversione e di pentimento per i propri peccati, essendo staccato dal mondo, poteva riconoscere la luce.
Lo stesso avviene oggi: Dio è presente, Gesù è vivo, e attende di essere cercato e riconosciuto, per poter operare meraviglie nella nostra vita.

“Beato chi trova in te la sua forza e decide nel suo cuore il santo viaggio.
Passando per la valle del pianto la cambia in una sorgente.”
(Salmo 83)

Prosegui ⇒

Annunci